Seguici su
Cerca

Descrizione

Il nome Lemie viene fatto derivare dal latino "limina", "limite o luogo posto ai confini", probabilmente località di confine in cui stazionavano le truppe romane di frontiera. Alcuni studiosi fanno invece risalire l'origine del nome al latino "lamiae", "luogo delle fate o streghe"; questa interpretazione trova supporto nelle numerose leggende sulle "masche" (streghe) che popolano l'immaginario del paese.

L'antico villaggio di Lemie era situato in una zona di campi che venne distrutta da un'alluvione nel corso del XV secolo. Feudo del Vescovo di Torino intorno all'anno Mille, passò successivamente ai Visconti di Baratonia, poi ai Giusti di Susa, i Provana di Leinì ed altre famiglie feudali tra cui gli Arcour che nel XV secolo ottennero la concessione delle miniere di Lemie ed Usseglio.

Nel XIV secolo si iniziarono a sfruttare le miniere di ferro e rame della zona; per questo motivo alcune famiglie valsesiane e bergamasche si trasferirono a Forno di Lemie, che prende il nome proprio da un forno lì collocato, usato per la fusione di minerali ferrosi. L'ultimo feudatario, Giacomo Ottavio Gastaldo, morì nel 1741 senza discendenti ed il feudo passò al demanio.


Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri